domenica 31 ottobre 2010

Charotte... dell'AMICIZIA!!

Buonasera ragazzi! In quest'ultimo periodo sono poco presente sia sul mio blog, che sui vostri e.per questo mi scuso, ma ho davvero poco tempo libero! in più sto cercando di perdere qualche chiletto, ragion per cui sono pochissimo ai fornelli e al pc!!! :-(
Al contest di Fabiana del blog La zuppa di Bottoni , un gioiello nel piatto, però dovevo assolutamente partecipare..



Mentre leggevo le varie regole da rispettare per partecipare al contest avevo già qualche idea: "il gioiello prezioso" l'avevo ben chiaro in mente, ma il dolce da preparare un pò meno! br />Il "gioiello" che ho deciso di porre al centro di questo post ha una scarsissima valutazione economica(pochissimi euro!!!), ma un grande valore affettivo per me.


Quindi, questo post lo dedico all'AMICIZIA, ed in particolar modo alla persona che porta l'altra metà della medaglietta!!

"L'amicizia è uno dei sentmenti più belli da vivere perchè dà ricchezza, emozioni, complicità e perchè è assolutamente gratuita. Ad un tratto ci si vede, ci si sceglie, si costituisce una sorta di intimità; si può camminare accanto e crescere insieme percorrendo strade differenti, pur essendo distanti.." S.Tamaro

Nella mia personale scala di valori pongo subito dopo la famiglia, l'amicizia. L'amore lo pongo dopo perchè sono fermamente convinta che nella maggioranza dei casi questo sentimento molto bello, intenso e ricco di emozioni che stravolgono radicalmente la vita sia effimero; l'amicizia invece, nonostante le incomprensioni e gli allontanamenti, se è davvero sincera, continua imperterrita nel tempo.Perlomeno mi piace credere che sia così!

Io e la mia amica abbiamo deciso di portare al collo questa collana con la medaglietta quando eravamo in gita scolastica, in 3° superiore, a Rimini. Cercavamo da tempo qualcosa che ci legasse materialmente e l'abbiamo trovata!!!
Ci siamo conosciute circa 12 anni fa, fra i banchi di scuola e da quel momento abbiamo condiviso tutto quello che avveniva nelle nostre vite.
Ad un tratto però qualcosa è cambiato, lei è cambiata!!!Non l'ho più riconosciuta e a mio malgrado, ho visto che non aveva più bisogno di me: vedevo che la sua vita prendeva una strada inconciliabile con la mia. La triste consapevolezza di questo mi ha davvero lacerato l'anima.
Sovente ho creduto di odiarla, poi ho iniziato a credere che mi fosse diventata indifferente; ma non è stato così perchè mi son resa conto che questi sentimenti sono ben lungi dall' essere volti nei suoi confronti.
Imperterrita ho portato al collo quella medaglietta, nella vana speranza che anche lei portasse la sua.
Innumerevoli volte ho pensato che sarebbe stato bello guardarci negli occhi, abbracciarci e far finta che non  fosse successo nulla. Io l'avrei perdonata all'istante.
Oggi, dopo un annetto circa, le cose sono migliorate un pò. Io mi sono fatta una ragione della sua assenza e lei pian piano è tornata a condurre la vita serena così come faceva in passato.
Ci vediamo occasionalmente...per un caffè o per scambiarci gli auguri nelle varie ricorrenze.
Dedico questo post a lei perchè nonostante il vuoto che ha lasciato nel mio cuore resta la persona che mi conosce meglio di chiunque altro, che riesce a capirmi con un solo sguardo, che conosce perfettamente le mie abitudini, i miei gusti e ama il mio modo di pensare.
Ma non sono egoista, per questo che dedico questo post anche a tutte le mie amiche virtuali che sono pronte a darmi consigli e che con grande attenzione leggono i miei post..
L'amicizia è anche questo per me...e quindi l'amicizia siete tutti voi!!!




CHARLOTTE DELL'AMICIZIA

500 ml panna fresca montata (zuccherata)
3 fogli di colla di pesce
savoiardi q.b.
liquore a scelta (io ho usato la strega)

Per la crema

5 cucchiai di zucchero

3 cucchiai di farina
3 tuorli d'uovo
500 ml latte
1 bustina di vanillina

Per il pan di spagna al cacao
1 uovo intero
50 gr farina
50 gr zucchero
2 cucchiai di cacao amaro
1 pizzico di lievito

Cacao amaro per spolverizzare


Preparare la crema nel seguente modo: Montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina e a filo il latte freddo. Mescolare con la frusta per evitare la formazione dei grumi. Ponete sul fuoco moderato e fate
addensare la crema sempre m4escolando.
Allontanate la casseruola dal fuoco e unite la colla di pesce strizzata che avrete messo a bagno precedentemente per 10 minutino in acqua fredda. Lasciate raffreddare la crema

Montare la panna e zuccherare. Quando la crema sarà fredda unire la panna.
Rivestire uno stampo da budino con pellicola trasparente e incalanare i savoiardi inzuppati nel liquore. Versare la crema e livellarla bene.
Poggiare lo strato di pan di spagna e bagnarlo con un pò dim liquore.
Lasciare riposare in frigo per 3-4 ore...
Rovesciare su un piano, spolverizzare con il cacao amaro e decorare con ciufettini da panna.
Servire!!



Ho deciso di preparare proprio una charlotte perchè:
-La base di pan di spagna rappresenta la FIDUCIA, che è la base solida di ogni amicizia!
' + entry.content.$t + ''; } } } return entry.content.$t; } var parse = function(data) { cursor = null; var comments = []; if (data && data.feed && data.feed.entry) { for (var i = 0, entry; entry = data.feed.entry[i]; i++) { var comment = {}; // comment ID, parsed out of the original id format var id = /blog-(\d+).post-(\d+)/.exec(entry.id.$t); comment.id = id ? id[2] : null; comment.body = bodyFromEntry(entry); comment.timestamp = Date.parse(entry.published.$t) + ''; if (entry.author && entry.author.constructor === Array) { var auth = entry.author[0]; if (auth) { comment.author = { name: (auth.name ? auth.name.$t : undefined), profileUrl: (auth.uri ? auth.uri.$t : undefined), avatarUrl: (auth.gd$image ? auth.gd$image.src : undefined) }; } } if (entry.link) { if (entry.link[2]) { comment.link = comment.permalink = entry.link[2].href; } if (entry.link[3]) { var pid = /.*comments\/default\/(\d+)\?.*/.exec(entry.link[3].href); if (pid && pid[1]) { comment.parentId = pid[1]; } } } comment.deleteclass = 'item-control blog-admin'; if (entry.gd$extendedProperty) { for (var k in entry.gd$extendedProperty) { if (entry.gd$extendedProperty[k].name == 'blogger.itemClass') { comment.deleteclass += ' ' + entry.gd$extendedProperty[k].value; } else if (entry.gd$extendedProperty[k].name == 'blogger.displayTime') { comment.displayTime = entry.gd$extendedProperty[k].value; } } } comments.push(comment); } } return comments; }; var paginator = function(callback) { if (hasMore()) { var url = config.feed + '?alt=json&v=2&orderby=published&reverse=false&max-results=50'; if (cursor) { url += '&published-min=' + new Date(cursor).toISOString(); } window.bloggercomments = function(data) { var parsed = parse(data); cursor = parsed.length < 50 ? null : parseInt(parsed[parsed.length - 1].timestamp) + 1 callback(parsed); window.bloggercomments = null; } url += '&callback=bloggercomments'; var script = document.createElement('script'); script.type = 'text/javascript'; script.src = url; document.getElementsByTagName('head')[0].appendChild(script); } }; var hasMore = function() { return !!cursor; }; var getMeta = function(key, comment) { if ('iswriter' == key) { var matches = !!comment.author && comment.author.name == config.authorName && comment.author.profileUrl == config.authorUrl; return matches ? 'true' : ''; } else if ('deletelink' == key) { return config.baseUri + '/delete-comment.g?blogID=' + config.blogId + '&postID=' + comment.id; } else if ('deleteclass' == key) { return comment.deleteclass; } return ''; }; var replybox = null; var replyUrlParts = null; var replyParent = undefined; var onReply = function(commentId, domId) { if (replybox == null) { // lazily cache replybox, and adjust to suit this style: replybox = document.getElementById('comment-editor'); if (replybox != null) { replybox.height = '250px'; replybox.style.display = 'block'; replyUrlParts = replybox.src.split('#'); } } if (replybox && (commentId !== replyParent)) { replybox.src = ''; document.getElementById(domId).insertBefore(replybox, null); replybox.src = replyUrlParts[0] + (commentId ? '&parentID=' + commentId : '') + '#' + replyUrlParts[1]; replyParent = commentId; } }; var hash = (window.location.hash || '#').substring(1); var startThread, targetComment; if (/^comment-form_/.test(hash)) { startThread = hash.substring('comment-form_'.length); } else if (/^c[0-9]+$/.test(hash)) { targetComment = hash.substring(1); } // Configure commenting API: var configJso = { 'maxDepth': config.maxThreadDepth }; var provider = { 'id': config.postId, 'data': items, 'loadNext': paginator, 'hasMore': hasMore, 'getMeta': getMeta, 'onReply': onReply, 'rendered': true, 'initComment': targetComment, 'initReplyThread': startThread, 'config': configJso, 'messages': msgs }; var render = function() { if (window.goog && window.goog.comments) { var holder = document.getElementById('comment-holder'); window.goog.comments.render(holder, provider); } }; // render now, or queue to render when library loads: if (window.goog && window.goog.comments) { render(); } else { window.goog = window.goog || {}; window.goog.comments = window.goog.comments || {}; window.goog.comments.loadQueue = window.goog.comments.loadQueue || []; window.goog.comments.loadQueue.push(render); } })(); // ]]>
  1. Grazie mille di aver partecipato... Mi ha molto toccato quello che hai scritto.. Mi dico sempre che le amicizie non sono importanti.. Che nascono e vanno via senza motivo ma anch'io in veritá non ho ancora superato l'allontanento di una mia cara amica.. Mi abita di fronte e anche se non ci sentiamo più guardo spesso verso di lei e in fondo spero che tutto possa cambiare... Il dolce è stupendo!!! Un bacio grande

    RispondiElimina
  2. Come ti capisco! Anch'io ho avuto una storia simile alla tua...per anni amiche del cuore, telefonate lunghe ore per raccontarci di tutto, e poi, il silenzio. Crescendo ognuna ha scelto una strada diversa. Capita purtroppo, anche se è triste! Devo dire però che alla tua amica hai dedicato una gran bella torta, sono sicura che ne sarà felice!

    RispondiElimina
  3. ciao carissima, ti capisco, è succesa una cosa simile anche a me, misteriosamente, senza un motivo apparente la mia "migliore" amica si è allontanata. ci eravamo conosciute alle medie e avevamo proseguito gli studi insieme....ne ho sofferto motlo come te ed ancora oggi mi chiedo cosa sia successo!!
    Penso che crescendo la vita ci cambi e non sempre allo stesso modo...così come finiscono gli amori, forse finiscono le amicizie, anche se molto belle...chissà....
    La torta è bellissima!!! bacioni

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post, cara Golosina, e senza essere ripetitiva, pure a me è successa una cosa molto simile! Non sò, se dar colpa al turbinio della vita, che ti fa prendere strade diverse, voui per i lavoro, la famiglia, ma un fondo di rammarico c'è sempre, pensando a quell'amicizia, che sembrava eterna e inossidabile. . . Il dolce è stupendo, consoliamoci mangiandone una bella fettona!!!! Un bacione cara. . .

    RispondiElimina
  5. Le tue sensazioni le ho vissute anche io... fa tanto male ma la vita è fatta di queste cose purtroppo, complimenti per la ricetta,buona serata!

    RispondiElimina
  6. Bello il post e ghiottissimo il dolce complimenti!!

    RispondiElimina
  7. Questo dolce E' stato dedicato ad un'amicizia importante e anche se ti ha deluso, ti ha arricchito. Come dice un proverbio quello che non ti uccide ti fortifica!!!
    Buona serata! Un dolce super goloso!

    RispondiElimina
  8. Che bello il tuo racconto......e golosissima questa charlotte....ti mando un abbraccio fortissimo e alla prossima....stefy

    RispondiElimina
  9. Un ottimo dolcetto per passare un pomeriggio pieno di golosità e dolcezza!!!;-)
    Un bacione Cara:-**

    RispondiElimina
  10. il dolce è stupendo e la tua amica...... se l'è perso!!!!! (in poche parole voglio dirti che è Lei che tra voi due, quella che ci ha rimesso di più!!!)
    baci

    RispondiElimina
  11. interessante la tua ricetta.....belle parole sull'amicizia....ti seguiro' con piacere

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...